Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

704. Cose da sant’uffizzio

 

Ssí, mme l’ha ddetto er confessore mio;
e un omo che nun crede ar confessore
nun speri, per cristaccio, cuanno more,
d’avé la grazzia der perdon de Ddio.

 

Si nun ce credi tu, cce credo io
da bbon cristiano e indeggno peccatore:
e aringrazzio Ggesú dde tutto core
de nun avé la fede d’un giudio.

 

Ssí, mme l’ha ddetto er mi’ Padre Curato
com’e cquarmente sce ttante e ttanti
che ffotteno cor diavolo incarnato.

 

E lleggenno le vite de li Santi,
se trova chiaro ch’è dda sto peccato
che ssò nnati in ner Monno li Ggiganti.1

 

Roma, 6 gennaio 1833 - Der medemo

 




1 De’ demoni incubi e succubi, e degli efialti, vedi il cap. 32 della Dissertazione i del Calmet sul vampirismo, ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License