Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

707. L’entrate cressciute

 

C’è a Rroma un Omo, ch’io, si nnu lo sai,
nun te potrebbe confidà cchi ssia:
sortanto te dirò cch’è ddotto assai,
e vviè ggiú dda la costa der Messia.

 

Cuestomo granne, trovannose in guai
pe vvia de cuella porca guittaria,1


ha inventato un rimedio, che ttu mmai
nun l’hai sentito in cusscenzina mia.2

 

Lui scià3 un palazzo, che dda scirca a vventi
secoli frabbicò4 ccertarchidetto
che cce vorze5 alloggià lli disscennenti.

 

Lui duncue a sto palazzo che tt’ho ddetto,
je fa adesso levà lli fonnamenti
pe ffacce6 un antro piano soprar tetto.

 

Roma, 7 gennaio 1833 - Der medemo

 




1 Miseria.

2 Modo di assicurare con giuramento.

3 Ci ha: ha.

4 Fabbricò.

5 Volle.

6 Farci, cioè: «farne».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License