Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

708. La scopa nova1

 

Sta scopa nova, ch’entranno ar governo
sce2 voleva arricchí ttutt’in un botto,3
per urtimo cudino der cazzotto4
cce bbuggera a ttutti in zempiterno.

 

Sarà una prova de core paterno
de chiamà un ladro e ddaffittajje er lotto:
sarà cquer che vvò llui; ma mme ne fotto
ch’io co stapparto5 cqui ggiuco ppiú un terno.

 

Fascenno l’appartista er zumestiere,
chi rriccapezza ppiú ccuccannosce6
tra llastrazzione7 farze e cquelle vere?

 

De fufiggne8 tra er nummero e la vosce
già nne fasceva tante er tesoriere!
Penza cosa ffà cchi ppiú jje cosce!9

 

Roma, 7 gennaio 1833 - Der medemo

 




1 Modo proverbiale, esprimente che gli uomini nuovi sempre bene sui principi si diportano.

2 Ci.

3 Tutto in un colpo.

4 Per ultima giunta alla derrata.

5 Appalto.

6 Non raccapezzare cuccanosce: frase proverbiale di facile senso.

7 Estrazioni.

8 Fraudi.

9 Cuoce. Cuocere, vale: «essere a cuore, toccare nel vivo», ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License