Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

712. La santa Messa

 

Come! nun zentì mmessa?! Ah ggaleotti!
Nun zapéte che Iddio, chi nnun ha intese
ner monno o ttrenta o ttrentun messe ar mese,
l’imbrïaca de llà dde scappellotti?

 

Che ddiscurrete de ggeloni rotti,
cuanno che ppe ddiograzzia a sto paese
assai meno le case che le cchiese:
cuanno le Messe cqui ffanno a ccazzotti?1

 

Ve pare questa vvita cristiana,
sori bbrutti fijjacci de mi’ mojje,
pe nnun divve2 fijjacci de puttana?

 

La Santa Messa è uguale che la bbiada;
perché ddisce er cucchiere, che cce cojje,3
che Mmessa e bbiada nun allonga strada.4

 

Roma, 8 gennaio 1833 - Der medemo

 




1 Fare a cazzotti, nel senso attuale, vale: «essere in numero tale, da urtarsi a scompiglio».

2 Dirvi.

3 C’indovina.

4 L’una liberando dai pericoli, l’altra dalla fiacchezza, due cause d’indugio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License