Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

715. Li Morti arisusscitati

 

Fra tutti li miracoli ppiú bbelli
er mejjo è dder Beato Galantino,
che ddiede er volo a uno spido d’uscelli
bbell’e arrostiti ar foco der cammino.

 

Come vedde volà li su’ franguelli,
figurateve l’oste fiorentino!
Dicheno c’arrivò ppe rritenelli
sino a offrí ar Zanto un mezzo bbicchierino!

 

«Nun zerve che mme preghi e cche mme guardi»,
rispose er Zanto: «io parlo verbus-verbo.1


Per vino, co li debbiti ariguardi,

 

lo bbeverò ppe nnun paré ssuperbo:
ma ppe l’uscelli, fijjo caro, è ttardi.
Vanno a Ssan Pietro,2 e ggià stanno a Vviterbo».

 

Roma, 9 gennaio 1833 - Der medemo

 




1 Apertis verbis.

2 È stile, nel rito delle beatificazioni e canonizzazioni, di esporre sulla porta maggiore della Basilica Vaticana la pittura di un miracolo di mezzo scarto nel processo che precedette il solenne decreto. Il miracolo degli uccelletti chiamati alla resurrezione della carne fu anch’esso ammirato al suo posto.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License