Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

726. Li preti maschi

 

Tante bardòrie1 e ttanti priscipizzi
pe vvia c’oggni dupreti un paro fotte!
Tutti li mappalà2 ttutte le bbòtte
a sti poveri còfeni3 a ttre ppizzi!

 

Cuann’è un vizzio er fregà, bbrutte marmotte,
dateme un omo che nnun abbi vizzi:
diteme cuale cazzo nun zaddrizzi
fra ttanto pipinaro4 de miggnotte.

 

Doppo che Iddio lo sa cquanto fatica,
ha dda invidiasse5 ar prete poverello
cuer boccon de conforto d’un’amica?!

 

No: ssi vvoleva Iddio dajje6 er cappello
a lluminetto, e llevajje la fica,
l’averebbe creato senz’uscello.

 

Roma, 11 gennaio 1833

 




1 Strepiti.

2 Imprecazioni.

3 Cappelli.

4 Moltitudine densa; semenzaio; quasi il pépinière dei Fancesi.

5 Invidiarsi.

6 Dargli: dar loro.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License