Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

727. Er riccone

 

Figurete a sto morto si cche mmorto1


j’hanno trovato in cassa li nipoti!
Da cuannera prelato io m’ero accorto
che llui tirava a incummolà mmengoti.2

 

Tutti ladri sti santi sascerdoti
sin c’ar monno je va llacqua pe llorto:3
cuanno crepeno poi, tutti divoti
pe strappà da San Pietro er passaporto.

 

Co cquattro Messe spalancajje er celo?!
sarebbe com’a ddí: Ccristo è imbriaco,
o nnun za legge er libbro der Vangelo.

 

Un ricco in paradiso? io me ne caco.
Piú ppresto crederebbe4 c’un camelo
fussi passato pena cruna d’aco.

 

Roma, 11 gennaio 1833

 




1 Ricchezza sepolta.

2 Accumular danari.

3 Frase esprimente «andar le cose a seconda».

4 Più tosto crederei.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License