Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

728. La riliggione vera

 

Cuante mai riliggione sce 1 state
da cche mmonno è mmonno, e cce ponnèsse,
cristiani mii, ttutte bbuggiarate
da nun dajje un cuadrin de callalesse.2

 

Tutte ste freggne,3 com’ha ddetto er frate,
s’annaveno a ffà fotte4 da se stesse,
cuann’anche Iddio nu l’avessi fregate5
cona radisce che sse chiama Ajjesse.6

 

Noi soli semo li credenti veri,
perché ccredemo ar Papa, e ’r Papa poi
sce7 spiega tutto chiaro in dumisteri.

 

L’avvanti8 er turco, l’avvanti er giudio
un’antra riliggione com’e nnoi,
da potesse9 maggnà ddomminiddio!

 

Roma, 12 gennaio 1833

 




1 Ci sono, ecc.

2 Castagne lesse.

3 Sciocchezze.

4 Perivano.

5 Rovinate.

6 Jesse.

7 Ci.

8 La vanti.

9 Potersi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License