Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

731. La testa de ferro1

 

Doppo che ppuro stanno ggentirmente
er Zanto Padre e ’r Cardinal Vicario
ciaveveno2 accordato un po’ de svario3
pe ttienecce4 duggiorni alegramente

 

c’è una commedia5 che nun za de ggnente,
che ssaría mejjo a rrescità er rosario.
Tutto pe cquella piggna6 d’impressario,7
che nnun spenne8 pe ppagà la ggente.

 

È una testa-de-ferro! e cche mme preme?
Io, cuanno er fin de’ conti è uno strapazzo,
metto le cause tutte cuante inzieme.

 

Scropí er culo pellantri9 è dda regazzo:
se guarda er frutto e nnun ze guarda er zeme.
Testa de ferro! di’ ttesta de cazzo!

 

Roma, 12 gennaio 1833

 




1 Persona comparente per altro soggetto occulto.

2 Ci avevano.

3 Divertimento.

4 Tenerci.

5 Per commedia intendi tutto ciò che si rappresenti in iscena.

6 Avaro.

7 Impresario.

8 Spendere.

9 Scoprire, ecc., vale: «esporsi».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License