Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

734. La pelle de li cojjoni1

 

Avevo sempre inteso ch’è ppeccato
no cquello ch’entra in bocca, ma cquer ch’essce.
Vedenno2 che sto pessce indemoniato
ne li ggiorni de magro sempre cresce:3

 

essennome a l’incontro4 immagginato
ch’er maggnà ttartaruche è un maggnà ppessce,
io le maggnavo in pasce; ma er Curato
m’arispose sta pascua: «M’arincressce».

 

«Ma cquesta, padre mio, me sa un po’ d’agro:5
li Pavolotti6 nun faríano7 peggio,
c’hanno da cuscinà ssempre de magro

 

«Fijjo caro, voi dite un zagrileggio:
nun è llescito a vvoi d’entrà in ner zagro:
si8 lle maggneno loro, è un privileggio».

 

Roma, 13 gennaio 1833

 




1 Che si tira e si stende.

2 Vedendo.

3 Rincara.

4 Essendomi al contrario, ecc.

5 Mi è un poco dura, agra, ecc.

6 Frati Paolotti.

7 Farebbero.

8 Se.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License