Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

736. Le gabbelle nove

 

Bbasta, o ccorpa der forno, o dde la mola,
er fatto sta cche la paggnotta ar forno
sce la danno ppiú ppiccola oggiggiorno
de cuelle de San Biascio e Ssan Nicola.1

 

Tratanto er Papa se ne va in cariola,
e dde tutti sti guai nun ne sa un corno:
ché ppe la lega der zubber contorno
nun je se appuntà mmezza parola.

 

Le bbettole, li forni, li mascelli,
strilleno ar lupo,2 e sconteno li torti
cor zangue de noantri3 poverelli.

 

E nnoi c’avemo li cuadrini scorti,4
tenémose5 da conto li cortelli,
che de sti tempi zzecchini storti.6

 

Roma, 13 gennaio 1833

 




1 Certi piccolissimi pani benedetti, efficacissimi contro tante specie di mali, ecc. ecc.

2 Gridare al lupo: inveire contro i già oppressi.

3 Noialtri.

4 Finiti, consumati.

5 Teniamoci.

6 Zecchini storti: cose, cioè, da tenersi riposte per l’occasione.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License