Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

737. Er carzolaro ar caffè

Sonetti 4

 

Cos’è, ccorpo de ddio, sor caffettiere,
c’ancóra nun me date sti grostini?
Volete véde1 c’agguanto2 un bicchiere
e vve lo fo vvolà ssu li dentini?

 

Ma vvarda3 sti fijjacci d’assassini
si cche bber modo d’abbadà ar mestiere!
Io viengo cqui a ppagà li mi’ quadrini,
e vvojjsse servito de dovere.

 

Sicuro, sor cazzeo, che ddico bbene:
sicuro, sor mustaccio4 de falloppa,
che mme se scalla er zangue in de le vene.

 

Cuann’uno spenne,5 una parola è ttroppa;
duncue mosca,6 per cristo, e ppoche sscene,
o vve faccio iggnottí7 sta sottocoppa.

 

Roma, 13 gennaio 1833

 




1 Vedere.

2 Do di piglio a, ecc.

3 Guarda.

4 Mostaccio.

5 Spende.

6 Silenzio.

7 Inghiottire.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License