Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

738. Er carzolaro ar caffè

 

Li grostini cor ! Vvoi sete franco:
ebbè? cce vojjo li grostini, cazzo:
e li vojjo pe mmé e ppe sto regazzo;
e li vojjo de ppiú dde pane bbianco.

 

Io so cche llarte mia nu la strapazzo:
sto ar banchetto pe ttutti, e nnun jamanco;
e nnun fo ccom’e vvoi, che ddrentar banco
stat’a mmette li conzoli in palazzo.

 

Scrive! Guardate llí ccarifreddori!1
Scrive! E ttratanto nun ze tiè dde vista
a cquer c’hanno bbisoggno l’aventori!

 

Che mme ne fotte2 de la vostra lista?!
Cuanno avevio pe scrive sti furori,
ve dovevio impiegà ppe ccomputista.

 

Roma, 14 gennaio 1833

 




1 Che pretensioni; che vanità.

2 Che m’interessa, ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License