Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

739. Er carzolaro ar caffè

 

Oh, adesso che vvienite co le bbone,
è un antro par de maniche,1 fratello.
Mo vve schiavo, ve caccio er cappello,
se toccamo er cinquanta,2 e vva bbenone.

 

Cqua nnun ze fa ppe ddí, ccore mio bbello...
Ecco llí: la capischi la raggione?
Oggnuno ha le su’ propie incrinazzione:
a cchi ppiasce la trippa, e a cchi er budello.

 

Tu ffai er caffettiere, e tte strufini
le deta su l’inchiostro: io ’r carzolaro,
e mme va a ggenio er cco li grostini.

 

Io nun ho ggnisun odio ar calamaro:
lo dichi lui3 che vva ssu li puntini,4
perch’io nun vojjo er zangue mio5 somaro.

 

Roma, 14 gennaio 1833

 




1 È un’altra cosa.

2 Ci tocchiamo la mano.

3 Cioè il figlio, ivi presente.

4 Scrive sui puntini, tracce di lettere.

5 I figli miei.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License