Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

744. Nun mormorà

 

Ar Monno s’ha da bbene de tutti,
lodalli,1 e rricoprinne2 li difetti:
e nnò a mmezze parole e a ddenti stretti,
ma a bboccuperta e pparoloni assciutti.3

 

Cuanno se parla d’ommini frabbutti,4
bbisoggna sostené cche ssò angeletti:
si un giorno, in paradiso, fra lleletti,
volemo aritrovà bboni costrutti.5

 

E nnun ccome Cchecca6 la Ghironna7
che ttajja e ccusce,8 e ttirerebbe ggiune9
de la virginità dde la Madonna:

 

mentre che ppoi laggiú a le Scinque-lune10
(nun zii pe mmormorà) la bbona donna
se fa ffotte11 dar popolo e ’r commune.

 

Roma, 14 gennaio 1833

 




1 Lodarli.

2 Ricoprirne.

3 Semplici, positivi.

4 Ribaldi.

5 Buoni effetti delle opere.

6 Francesca.

7 La Ghironda: soprannome.

8 Mormora e maledice.

9 Tirar giù: diffamare spietatamente.

10 Cinque-lume: contrada di Roma.

11 Fottere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License