Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

749. Le Lègge1

 

Né de né de ssanno2 ste carte,
steditti de gabbelle e ggiubbilei,
ste ladrerie, sti ggiubbilate-dei3
dove er Papa ssempre la su’ parte.

 

Aveva ppiú ggiudizzio Bbonaparte,
che ssenza tanti ggiri e ppiaggnistei
disceva ar monno: «Questo tocca a llei»;
e bbuggiarava tutti a uso d’arte.

 

Er Papa è ccerto una perzona dotta,
ma ’ggnicuarvorta prubbica una legge,
fa ccome la padella: o ttiggne, o scotta.4

 

Ccusí:5 Vviva er Pastor, viva la gregge,
viva er cucchiere e llanimal che ttrotta,
viva chi scrive e bbuggiarà cchi llegge.

 

Roma, 15 gennaio 1833

 




1 Le leggi: la e va pronunciata aperta.

2 Non sanno di nulla.

3 «Jubilate Deo omnis terra».

4 Proverbio.

5 Le parole che seguono in questo verso e tutto il verso ultimo del sonetto leggonsi scritte a carbone su moltissimi muri delle case di Roma.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License