Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

752. La serva e l’abbate

 

Cuanno te lo dich’io, credelo, cattera!
Le cose che ddich’io ttutte vere.
La serva c’annò vvia da Mastro Zzattera
se fasceva scopà ddar Cancejjere.

 

Lei lo fasceva entrà ttutte le sere,
e ssi bbussava lui,1 la sora sguattera2
da bbrava puttanella der mestiere
l’annisconneva drento in de la mattera.3

 

Una sera però cche vvenne er Mastro
co la chiave, trovò stesa Luscia
cor pittore a ddipíggnela a l’incastro.4

 

Sai che jje disse lui? «Ggentaccia indeggna,
la mi’ casa nun è ccancellaría
da stipolà strumenti de la freggna».5

 

Roma, 16 gennaio 1833

 




1 Lui, per antonomasia, «il padrone».

2 Guattera.

3 Madia.

4 Equivoco di encausto, che dalla plebe dicesi appunto all’incastro.

5 Fuor di questa circostanza, le tre ultime parole si userebbero in via di ripieno, per modo di cruccio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License