Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

20. Campa, e llassa campà

 

Ma cche ffajòla, Cristo, è diventata
sta Roma porca, Iddio me lo perdoni!
Forche che state a ffà, ffurmini, troni,1


che nun scennete a fanne una panzata?

 

S’ha da vede, per dio, la buggiarata
ch’er Cristiano2 ha d’annà ssenza carzoni,
manco si cquelli poveri cojjoni
nun fussino de carne bbattezzata!

 

Stassi a sto fusto3 a ccommannà le feste,
voría bbe4 mmaneggià li giucarelli
d’arimette er ciarvello in de le teste.

 

E cchiamerebbe Bbonziggnor Maggnelli,5
peddijje duparole leste leste:
sor è,6 ffamo campà li poverelli.

 

19 febbraio 1830 - De Peppe er tosto

 

 




1 Tuoni.

2 L’uomo.

3 Stasse a me.

4 Vorrei bene.

5 Monsignor Mangelli, Presidente dell’Annona e Grascia.

6 Sor È, come dicesse: «Signor tale».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License