Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

764. Santa Pupa1

 

Santa Pupa è una santa che ddavero
je peseno, pe ccristo, li cojjoni;2
e appett’a llei tanti santi bbarboni
nun ,3 Terresa, da contalli un zero.

 

Va a ddí a li fijji tui che ssiino bboni!
Lo so io co li mii si mme dispero,
e mme spormóno4 er zanto ggiorno intiero:
senza de lei Dio sa li cascatoni!

 

Eppuro,5 a sta gran zanta, poverella,
je vedi mai una cannela accesa?
jopre ggnissuno un buscio de cappella?

 

Furtuna e ddorme:6 ecco ch’edè,7 Tterresa;
e ssan Pietro, che ddiede in ciampanella,8
ruga, e ttiè er culo in cuer boccon de cchiesa!

 

Roma, 17 gennaio 1833

 




1 La Santa che vuolsi vegliare pei bambini.

2 Cioè: Santa di vaglia.

3 Sono.

4 Spolmono, sfiato.

5 Eppure.

6 Proverbio.

7 Ecco cos’è: ecco la cagione spiegata.

8 Dare in ciampanella: fallire.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License