Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

765. La Vesta

 

Già, ttu ssei stato sempre un miffarolo:
dichi la verità ccome le riffe.
Ma de sta cosa sola io me conzolo,
che nnun ce cucchi ppiú cco le tu’ miffe.

 

Cuesta nu la diría manco Bbargniffe:
sta bbuggiarata la pòi ttu ssolo.
Levate mano, via, dateje er ziffe,
sor carotaro mio, sor fuffarolo.

 

Ma ddavero sce tienghi senza testa,
pe vvienicce a ccarzà stantra sciavatta,
che llantichi adoraveno una Vesta?

 

Oh annateve a ccercà cchi la sbaratta!
Oh vvienite davanti a mmezza festa,
e ddatela a d’intenne ar Padre Patta.

 

Roma, 17 gennaio 1833

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License