Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

769. Er Monno

 

Va bbè1 dde lamentasse2 co rraggione,
ma cchi sse laggna a ttorto è un cazzo-matto.
Er Monno è una trippetta,3 e llomo è un gatto
che jje tocca aspettà lla su’ porzione.

 

Tutto cuer che cc’è ar Monno, chi l’ha ffatto?
Ggesucristo: lo sa ppuro4 un cojjone.
Ggesucristo però dduncue è ’r padrone
d’empicce5 a ttutti o rripulicce er piatto.

 

Ma Ggesucristo, sor cazzaccio mio,
lo sapete chi è llui? è, ssora sferra,
la terza parte de domminiddio.

 

Duncue nun zerve a ffà ttante parole:
si er Zanto-padre è un Gesucristo in terra,
è ttutto suo pe cquanto vede er Zole.6

 

Roma, 17 gennaio 1833

 




1 Va bene.

2 Lamentarsi.

3 Trippa di scarto che va vendendosi per Roma col grido di gnao, al qual grido tutti i gatti corrono.

4 Pure.

5 Empirci.

6 Dottrina della chiesa romana, alquanto però controversa.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License