Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

777. Fratèr caro

 

Nu l’avesse1 mai fatto! Sto curiale,
fratèr caro, era un ber baron futtuto;
e ppe mme ssaría stato meno male
de scrive: aút aút,2 chi ha aúto ha aúto.3

 

Cuadrini, je n’ho ddati co le pale:
tempo, n’ha ppreso cuello c’ha vvorzuto:4
e ssai com’è ffinita? Er tribbunale
disce c’ho da mostrà cquer c’ho vennuto!5

 

Ma ggnente, fratèr caro: sc’è dde peggio:
sto sor abbate caccia un conto adesso,
un conto, c’hai da dillo6 un zagrileggio!

 

Le scentinare7 se curreno8 appresso:
e oggni addio che jj’ho ddato a lo spasseggio9
me sce10 l’ha mmesso drento pe un congresso.

 

Roma, 18 gennaio 1833

 




1 Avessi.

2 Àut àut.

3 Chi ha avuto, ha avuto.

4 Voluto.

5 Venduto.

6 Dirlo.

7 Centinaia.

8 Corrono.

9 Passeggio.

10 Ce.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License