Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

780. Er coruccio1

 

2 bbello accusí nnero? eh? ddi’, bbello?
Nun paro3 er Mannataro de la Morte?
Stamo in guai, cammerata, ma in guai forte:
ffinite le scene4 in zur più bbello.

 

Er padrone ha sserrato mezze porte,
e ccià5 mmesso sto scencio6 sur cappello,
pe vvia ch’è mmorto er zoscero ar fratello
de la mojje der fijjo de la corte.

 

Tu nun hai da guardà llImmassciatore
si7 rride co nnoantri e sse ne fotte:
abbasta che ppe nnoi piaggni er colore.

 

Tratanto hai da sapé che sto dolore
ha da durà tre mmesi e mmezza notte:
poi mettemo er coruccio ar cacatore.8

 

Roma, 18 gennaio 1833

 




1 Corruccio: gramaglia.

2 Sono.

3 Paio, sembro.

4 Cene.

5 Ci ha.

6 Cencio.

7 Se.

8 Espressione di molto uso, allorché si vuol fare intendere il poco interesse che si prende di certi avvenimenti che altri vorrebbe farci sentire calamitosi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License