Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

785. Er madrimonio de la mi’ nipote

 

Cuarche ccosa sarà. Llei la regazza
ggià è dda Pascua de llà1 cche cce parlava,2
sin che la madre, ch’è una donna bbrava,
lo chiamò ssú pperché nnun stassi3 in piazza.

 

E mmó cche llei je stira e cche jje lava,
lui je sce fa lo stufo e la strapazza:
e llei s’accora, e ppiaggne che ssammazza,
che cce l’ho vvista ssino la bbava.

 

Cuant’a ppijjalla, disce che la pijja;
ma Ddio me perdonassi li peccati
com’avrà dda penà, ppovera fijja!

 

Abbasta, madrimòni e vvescovati,
eh? ddico bbene o nnò, ssora Scescijja?4
ttutti cuanti in celo distinati.5

 

Roma, 19 gennaio 1833

 




1 Dalla penultima Pasqua.

2 Ci amoreggiava.

3 Stasse.

4 Cecilia.

5 Modo proverbiale.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License