Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

790. L’arrede der Prelato

 

Cuer Prelato,1 cuer cazzo de somaro
che mmorze2 de pulenta3 francescana,
sappi che llassò arrede fittucciaro4
don Fregaddio, cuellantra bbona lana.

 

Sentito er testamento der Notaro,
fesce5 er marito d’Anna la frullana:
«Vòi scommette6 ch’er prete miggnottaro7
ttutto a cquarche ffijjo de puttana?».

 

Bbe’, er prete oggi ha ccacciato una cartuccia
che ddisce: «Io chiamo a tté, ddon Sperandio:
tu cchiama er fijjo che mm’ha ffatto Annuccia».

 

E er cornuto escrama,8 e ll’ho intes’io:
«Che bbon prete! ha spiegato la fittuccia9
tutta in testa de Peppe er fijjo mio».

 

Roma, 24 gennaio 1833

 




1 Monsignor Nicolai.

2 Morì.

3 Gonorrea.

4 Erede fiduciario.

5 Disse.

6 Vuoi scommettere.

7 Bagascione.

8 Esclama.

9 Fiducia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License