Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

791. Er piede acciaccato

 

Cuanno1 t’ho cchiesto scusa è una sscemenza2
che ffai3 sto ghetto4 e cce bbestemmi Cristo.
Tu ssei puro5 un regazzo6 de cusscenza
pe nnun crede7 un compaggno accusí ttristo.

 

Cuanno t’ho ddetto io nun t’avevo visto,
sc’è bbisoggno de bbattesce in credenza?8
Me te metti de dietro, e ssi tte pisto
li piedi, è ccorpa9 tua, abbi pascenza.

 

Subbito che lo sai che ssei de vetro,
nun ficcamme10 le zampe tra li piedi,
ch’io sciò11 llocchi davanti e nnò dde dietro.

 

Eppoi, crede12 de cquello che ccredi;
ma ttu cquanno te bbuggera Don Pietro,
dimme la verità, Nnino,13 lo vedi?

 

Roma, 20 gennaio 1833

 




1 Quando.

2 Sciocchezza.

3 Che tu faccia.

4 Strepito, chiasso.

5 Pure.

6 «Ragazzo» dicesi anche di un uomo allorché si vuole annettergli una idea di bontà.

7 Credere.

8 Battere in credenza: «battere di cassa, ecc.», «rugare», «non rassegnarsi».

9 Colpa.

10 Ficcarmi.

11 Ci ho.

12 Credi.

13 Giovannino, Giovanni.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License