Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

794. Li posti

Sonetti 3

 

Sora Mmaschera1 mia, sete un cojjone.
Me parerebbe, sangue d’un giudio,
che nn’abbi da sapé ddomminiddio
un po’ ppiú dde chi ha ffatto Tordinone.2

 

E ssi ssò3 ggrasso, sce4 n’ho ccorpa5 io?
Potevio6 ppiú granne le porzione.
Cuann’io spenno,7 pe ccristo, er mi’ testone,8
vojjo un posto adattato ar culo mio.

 

E in che ddanno9 ste tavole, ste fotte10
de tramezzi, che un omo sce s’attappa
come fossi er turaccio d’una bbotte?

 

Cqua er culo mio nun c’entra e nnun ce scappa;
e ppe ddà ggusto a vvoi, sore marmotte,
io nun me tajjo una fetta de chiappa.

 

Roma, 20 gennaio 1833

 




1 Colui che presiede all’ordine della platea.

2 Vedi il Sonetto...

3 Se sono.

4 Ce.

5 Colpa.

6 Potevate.

7 Spendo.

8 Moneta di 3 paoli, prezzo del biglietto dell’opera.

9 Cosa concludono?, etc.

10 Queste sciocchezze.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License