Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

808. La crosce

 

Ciuccio1 futtuto, ggiacubbino indeggno!
che ddanno ne usscì ssi cc’è la vosce
che pper Monno cor leggno de la crosce
potrebbe fasse2 un magazzin de leggno?

 

Ggià ppotrebbèsse3 ppiú vvosce che nnosce,4
o una miffa de vescovi d’ingeggno;
ma ppoi, vero che ssii, sor bruttordeggno,5
che ddanno je ffa? ccosa je nòsce?6

 

Le vennessi7 puranche er rigattiere,
io nun ce so ttrovà ggnisuno stàcolo8
che ssiino tutte cuante crosce vere.

 

Nun Iddio dar zusanto tabbernacolo
mortipricanne9 le mijjara intere
pe ffacce10 venerà ccrosce e mmiracolo?

 

Roma, 22 gennaio 1833

 




1 Asino.

2 Farsi.

3 Essere.

4 È più la voce che la noce: modo proverbiale: «è più la rinomanza che la realtà».

5 Ordeggno (ordigno) dicesi di un cattivo soggetto.

6 Nuoce.

7 Vendesse.

8 Ostacolo.

9 Moltiplicarne.

10 Farci.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License