Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

810. Una scirimonia

 

Io scercavo una vorta cuarche1 llume
pe ssapé er certo e le raggione vere
perché li preti cor loro incenziere
un coll’antro2 s’accècheno3 de fume.

 

Trovai defatti un bon pinitenziere
che mme spiegò che cquesto è un pio costume
pe ddà un zeggno d’amore e ttenerume,4
de rispetto, de stima e dde dovere.

 

Si5 dduncue un po’ de fume è un zeggno schietto
de tenerume e amore, e, ccollinchino,
de dovere, de stima e dde rispetto;

 

pijjanno6 pe l’orecchie oggni pretino,
li farebbe7 inchinà ttutti sur tetto
cor gruggno s’una cappa de cammino.

 

Roma, 22 gennaio 1833

 




1 Qualche.

2 Altro.

3 Si accecano.

4 Tenerezza.

5 Se.

6 Pigliando.

7 Farei.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License