Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

815. Er caffettiere fisolofo1

 

L’ommini de sto Monno ll’istesso
che vvaghi2 de caffè nner mascinino:
c’uno prima, uno doppo, e un antro3 appresso,
tutti cuanti però vvanno a un distino.

 

Spesso muteno sito, e ccaccia spesso
er vago grosso er vago piccinino,
e ssincarzeno4 tutti in zu l’ingresso
der ferro che li sfraggne in porverino.5

 

E llommini accusí vviveno6 ar Monno
misticati7 pe mmano de la sorte
che sse li ggira tutti in tonno in tonno;

 

e mmovennose8 oggnuno, o ppiano, o fforte,
senza capillo9 mai caleno a ffonno
pe ccascà nne la gola de la Morte.

 

Roma, 22 gennaio 1833

 




1 Filosofo.

2 Vaga.

3 Altro.

4 S’incalzano.

5 Polvere.

6 Vivono.

7 Mescolati.

8 Movendosi.

9 Capirlo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License