Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

817. Er focone

 

La sai la gran disgrazzia ch’è ssuccessa
a Rrocco er capo-presa,1 eh Furtunato?
Lui stava ar naviscello ch’è arrivato,
e la mojje era ita a ssentí mmessa.

 

Ebbè, er pupo2 c’aveveno lassato
ar focone cor fijjo de l’ostessa,
pe inchinasse3 a ppijjà una callalessa,
cascò ssur foco, e cce restò ggelato.4

 

Penza si5 cquanno aritornò la madre
dev’èsse stato er giorno der giudizzio,6
e ssi cche inferno ar riviení dder padre!

 

Perde7 un fijjo accusí,8 ccerto, è un zupprizzio;9
ma cche faressi10 a ste madracce ladre
ch’esponeno11 li fijji ar priscipizzio?

 

Roma, 23 gennaio 1833

 




1 Padron di barca, o direttor di essa.

2 Bambino.

3 Inchinarsi.

4 Restar gelato: morire all’istante.

5 Se.

6 Scompiglio, rovina di confusione e di pianto.

7 Perdere.

8 Così.

9 Supplizio.

10 Faresti.

11 Espongono.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License