Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

818. Er foconcino

 

Er chiodarolo mio, cuer Mastr’Aggnello
dove sce crompo1 sempre le bbollette,
tiè un foconcin de ferro che cce mette
a rroventà lli chiodi da martello.

 

Pare un fornello, ma nnun è un fornello:
è un coso come 2 le coppolette;
e ddisce lui che anticamente cuello
era un ermo3 de cuarche4 ammazzasette.

 

Chi ssa cquante scittà, cquanti nimmichi
averà ffatto diventà ttonnina5
chi pportava cuellermo a ttempi antichi!

 

E mmó cche li sordati e lluffizziali
nun ammazzeno ppiú, ffa dda fuscina6
pe bbollette e ppe cchiodi de stivali.

 

Roma, 23 gennaio 1833

 




1 Ci compero.

2 Sono.

3 Elmo.

4 Qualche.

5 Far tonnina, vale: «ridurre in minutissimi pezzi».

6 Fucina.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License