Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

821. Tutte a mmé!

 

Nun zo mmannalla1 ggiú: ppropio a sto tasto
me sento diventà llo sputo amaro.
Pussibbile ch’io sii sempre er zomaro
che in oggnincontro ho da portà llimmasto?2

 

ccreditore o nnò dder barrozzaro?
J’ho ffatto er pasto, o nnun j’ho ffatto er pasto?3
E un Presidente ha da finí er contrasto:
«Abbi un po’ d’impicchea,4 fijjo mio caro!».

 

Che tte ne pare de sta bbellidea?
Doppo, dio santo, che nnun pijjo un cazzo,
m’amancassi5 dufronne6 d’impicchea!

 

E nnun è er medemissimo7 strapazzo
de cuanno me cacciorno da pratea?
S’ho da famme impiccà, pprima l’ammazzo.

 

Roma, 24 gennaio 1833

 




1 So mandarla.

2 Il basto.

3 Fare il pasto, nella favella degli osti, significa: «dare il pranzo».

4 Epicheja.

5 Mi mancasse.

6 Due fronde, cioè: «un tantino».

7 Stessissimo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License