Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

822. Una bbella mancia

 

M’ha rriccontato Rosica, er curzore
che sta ddrentar Governo1 a ppian-terreno,
ch’er zoppo a cquella che cce fa l’amore
j’ha ddato una propina2 de veleno.

 

Freghelo, Ggesú Cristo Nazzareno
unico Siggnor nostro redentore!
che ppropine der cazzo! è mmejjo a ffieno,
a ppajja, a ttorzi: armanco3 nun ze more.

 

Pènzete4 a stanimaccia bbuggiarossa5
si cche proscessettaccio sopraffino
li preti te jinzubbieno6 nell’ossa!

 

Penza si Mmastro Titta ombrellarino,7
co la pírola8 sua de cina-grossa9
nun je farà ppassà ttutto er morbino!

 

Roma, 24 gennaio 1833

 




1 Palazzo del criminale.

2 Propinato veleno.

3 Almanco.

4 Pènsati.

5 Alterazione di un vocabolo osceno, nell’intenzione di mitigarne la oscenità.

6 Insubbiare, da subbia.

7 Così chiamasi volgarmente in Roma il carnefice della Legge. L’attuale esercita il mestiere d’inverniciatore di tele per ombrelle ordinarie.

8 Pillola.

9 Cinoglossa, o lingua di cane, erba medicinale.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License