Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

830. L’arte *

 

Gran bell’arte è er pittore, lo scoparo,
er giudisce, er norcino,1 er rigattiere,
er beccamorto, er medico, er cucchiere,
lo stroligo, er poveta e ’r braghieraro.

 

Piú mmejjarte è er cerusico, er barbiere,
er coco, er votacàntera, er notaro,
er ciarlatano, er Curiale, er chiavaro,
e lloste, e lo spezziale e ’r funtaniere.

 

Stupenna è llarte de chi ssona e ccanta,
cuella der banneraro2 e dder zartore,
e ttantantre da ffino a mmillanta.

 

Ma la prima de tutte è er muratore,
ché cquanno s’arifà3 la Porta-Santa
capo-mastro chi è? Nostro Siggnore.4

 

Roma, 26 gennaio 1833

 

* Le arti.




1 Que’ di Norcia vanno in giro uccidendo e conciando maiali.

2 Banderaio.

3 Si rifà.

4 Il Papa il primo colpo di martello al distruggere, e getta la prima pietra nel riedificare.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License