Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

831. Le catacomme1

 

Indovantro2 c’a Rroma se vvede3
le cacatomme de San Zebbastiano,
dove una vorta er popolo cristiano
fesce a nnisconnarello4 pe la fede?

 

In cuer zagro Arberinto,5 chi cce crede,
trova d’erliquie6 un cimiterio sano:
e cqui abbusca uno stinco, e llí una mano,
llà un osso-sagro, e una ganassa, e un piede.

 

Dov’è er lume perpetuo che sse smorza
ar zentí llaria,7 llí ssariccapezza
corpi-santi da venne8 e empí lla bborza.

 

Si un schertro9 nun è ttutto, s’arippezza;
e cquanno è ffatto un martire pe fforza,
indovinela-grillo,10 e sse bbattezza.

 

Roma, 26 gennaio 1833

 




1 Le famose catacombe romane: antiche cave di pozzolana servite di rifugio ai primitivi cristiani nelle persecuzioni de’ gentili.

2 Altro.

3 Si può vedere.

4 Il «nascondarello» è un giuoco di fanciulli.

5 Laberinto.

6 Reliquie.

7 Le lucerne di terra cotta che trovansi ne’ sepolcri, chiamate volgarmente «lumi perpetui», credonsi dai romaneschi e da moltissimi romani arder sempre fino al momento che sentano il contatto dell’aria: e così, al primo aprirsi di uno di que’ sepolcri, s’immaginano di vedere il fumo della fiamma allor’allora spenta.

8 Vendere.

9 Se uno scheletro.

10 L’Indovinala-grillo è un libretto di sorti o vaticinj molto riputato in Roma.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License