Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

832. Le catacomme

 

 

Mica 1 bboni l’ossi sani soli
pe ffà llerliquie e ffrabbicà2 li santi,
ma inzino li tritumi somijjanti
a ffarro e ttarlature de piroli.

 

Li nostri fratiscelli e ppretazzoli
fanno un riduno3 de stossetti sfranti,
e li pisteno inzieme tutti-cuanti
all’uso d’una sarza4 de piggnoli.

 

Sfravolati5 che ssiino in farinaccio,
se canta un Zarmo,6 e mmentre che sse canta
se passa la farina pe ssetaccio.

 

Con oggni dosa7 poi de scinqu’o ssei
libbre, e mmezza fujjetta8 d’acqua-santa,
ecco fatta la pasta d’Aggnus-dei.9

 

Roma, 27 gennaio 1833

 




1 Sono.

2 Fabbricare.

3 Radunamento.

4 Salza.

5 Sfracellati.

6 Salmo.

7 Dose.

8 Foglietta: misura di liquidi.

9 Questi oggetti divoti hanno, comunemente la forma di un cuore. Generalmente però si compongono di varie sostanze unite a terra che credesi saturata di sangue de’ martiri.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License