Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

837. L’inferno

 

Cristiani indilettissimi, l’inferno
è una locanna senza letto e ccoco,
ch’er bon Iddio la frabbicò abbeterno
perché sse popolassi appoco appoco.

 

Cuanti Santi, in inzoggno,1 la vederno,2
dicheno che ssibbè3 ppiena de foco,
nun c’è un’ombra de lusce in gnisun loco,
e cce se trema ppiú cche ffussi inverno.

 

Sur porton de sta casa de li guai
sce sta a llettre da cuppola un avviso,
che ffora disce sempre, e ddrento mai.

 

Ggesú mmio bbattezzato e ccirconciso,
arberghesce4 li turchi e bbadanai,5
e a nnoi dàcce6 l’alloggio in paradiso.

 

Roma, 29 gennaio 1833

 




1 Sogno.

2 Videro.

3 Sebbene.

4 Albergaci.

5 Gli ebrei.

6 Dacci.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License