Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

839. Er letteroso1

 

Io poi nun faccio er zuperbioso,2 e cquanno
m’incontro ar Monno a nnun zapé3 lle cose,
ricurro da le ggente talentose,
e ssu ddupiedi, aló, jje le dimanno.

 

Diteme un po’, ccomimparai l’antranno
a ffà aggnusdei co le su’ vere dose?4
Dite, da chi imparai cuer c’arispose
San Pietro a Ddio?5 Da quelli che lo sanno.

 

Ccusí la Scala-Santa. Don Libborio
me la spiegò cquann’io je la chiedei
drentar cortile de Monte-scitorio.

 

La Scala-Santa, don Libborio Mei6
disce ch’era un Pretorio, e ccher Pretorio
era er Monte-scitorio7 de l’ebbrei.

 

Roma, 30 gennaio 1833

 




1 Letterato.

2 Superbo.

3 Sapere.

4 Vedi il Sonetto...

5 Vedi il Sonetto...

6 Vedi il Sonetto

7 Vedi il Sonetto

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License