Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

840. Er lavore1

 

Nun vojjo lavorà: ccosa ve dole?2
Pe sta vita io nun me sce sento nato.
Nun vojjo lavorà: mme spiegato,
o bbisoggna spregacce3 antre4 parole?

 

A ddiggiuno ffiacco de stajole;5
e ddoppo c’ho bbevuto e cc’ho mmaggnato,
tutto er mi’ gusto è dde stà llí sdrajato
su cquer murello che cce bbatte er Zole.

 

Cuanno che ffussi dorce la fatica,
la voríano6 pe ssé ttanti pretoni
che jje puncica7 peggio de l’ortica.

 

Va’8 in paradiso si cce 9 mminchioni!
Le sante sce se10 gratteno la fica,
e li santi l’uscello e li cojjoni.

 

Roma, 30 gennaio 1833

 




1 Il lavoro.

2 Cosa volete?

3 Spregarci.

4 Altre.

5 Gambe.

6 Vorrebbero.

7 Punge.

8 Guarda.

9 Se ci sono.

10 Ci si.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License