Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

841. Er marito polagroso1

 

Eh cche mme preme a mmé ssi sse2 conzagra
oggi le crosce illuminate in Chiesa!
Manco la santa Messa oggi l’ho intesa
pe sta porca futtuta de polagra.

 

Eppoi che ffunzion’è? ’na festa magra
de ducudrini,3 pe ddí assai, de spesa;
oggni pilastro una cannela accesa;
’na messaccia4 cantata: ecco la Sagra!

 

Oh, mmojje mia, nun me scoccià le palle.
Ste funzione io le vener’e arispetto,
ma cquanno è una scertora, bbuggiaralle.

 

Io so che cciò5 la crosce de sto letto,
porto la crosce tua sopra le spalle,
e ggnisuno m’accenne un moccoletto.

 

Roma, 31 gennaio 1833

 




1 Podagroso.

2 Se si.

3 Quattrini: centesimi di lira romana (il papetto), cinque delle quali formano lo scudo.

4 Dicesi così talvolta in semplice senso di Messa non solenne, senza pompa.

5 Ci ho: ho.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License