Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

843. Li dritti1 de li Curati dritti2

 

Indovèlli3 sti preti santarelli
che nunn metteno a ttajja li cristiani?
Indovèlli sti parrichi4 granelli5
che nnun zanno spojjà lli parrocchiani?

 

Indovèlli, per dio, dimme, indovèlli,
si ssò6 ttutti ppiú ccani de li cani?
Guarda er curato mio dell’Orfanelli7
che cce divora a ttutti sani sani!

 

Senti un po’ cquesta, e nnun rimane statico.8
Cuanno morze9 mi’ padre d’un bubbone,
vorze fasse10 pagà ccrosce e vviatico.11

 

Io lo dico da cche ssò un cojjone
e dde ste forche cqui bbojja mar-pratico,12
ma cchi ha ppagato mai la commuggnone?!13

 

Roma, febbraio 1833

 




1 Competenze.

2 Scaltri.

3 Indovello? Indovelli?, quasi dicesse: «dove è ello? dove sono elli?».

4 Parrochi.

5 Minchioni, semplici.

6 Se sono.

7 Chiesa di S. Maria in Aquiro, appartenente all’orfanotrofio di Roma. Avvertasi che questo fatto, è d’invenzione.

8 Estatico.

9 Morì.

10 Volle farsi.

11 Nome che significa tanto «eucaristia» quanto dritto di trasporto nel funere.

12 Boia mal pratico dicesi di chiunque non conosce bene ciò che imprende a fare.

13 Comunione.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License