Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

849. La staggionaccia

 

Zitto, Don Fabbio mio, pe ccarità!
se1 chiameno staggione queste cqui?
State chiuse, un callaccio da crepà:
state uperte, un ventaccio da morí.

 

Fora, ve viè la fanga inzino cqua:
drento, è una vita che vve fa ammuffí.
Ringrazziamo la Santa Tirnità2
ch’è un Zanto grosso: e ccantro s’ha da ?

 

Ne la ggiornata cuarche ccosa fo:
ciò3 la novena der bambin Gesú...
ricamo.., e ttiro via com’Iddio .

 

Ma ssi4 la sera nun vienissi tu
a ffà cquer fatto e arillegramme un po’,
Don Fabbio mio, nun ne potrebbe5 ppiú.

 

Roma, febbraio 1833

 




1 Si.

2 Trinità.

3 Ci ho: ho.

4 Se.

5 Potrei.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License