Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

851. Er dua de frebbaro1

 

Uh! cchedè2 ttanta folla a la parrocchia?
Perch’entri tutta eh! nunn jabbasta un’ora.
E in sta cchiesa piú cciuca3 d’una nocchia
sai cuanti n’hanno da restà de fora!

 

Senti, senti la porta come scrocchia!4
Guarda si5 ccome er gommito lavora!
Ma pperché ttanta ggente s’infinocchia6
drento? Ah è vvero, , , è la cannelora.7

 

Ecco perché er facchino e ffra Mmicchele
usscirno dar drughiere8 co una scesta9
jeri de moccoletti e dde cannele.

 

Tra ttanta divozzione e ttanta festa
tu a ste ggente però llevejje er mele10
de la cannela, eppoi conta chi rresta.

 

Roma, 2 febbraio 1833

 




1 Febbraio.

2 Che è.

3 Piccola.

4 Scricchiola.

5 Se.

6 Si caccia.

7 La Candelaia: festa della Purificazione della Vergine.

8 Droghiere.

9 Cesta.

10 Levagli (leva loro) il dolce, l’utile, etc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License