Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

852. La Madonna tanta miracolosa

 

Oggi, a fforza de gómmiti e de spinte,
ho ppotuto accostamme ar butteghino1


de la Madonna de Sant’Agustino,2
cuella ch’Iddio je le ttutte vinte.

 

Tra dduspajjère3 de grazzie4 dipinte
se ne sta a ssede5 co Ggesú bbambino,
co li su’ bbravi orloggi ar borzellino,
e ccatene, e sscioccajje,6 e anelli e ccinte.

 

De bbrillanti e dde perle, eh ccià7 l’apparto:8
tiè vvezzi, tiè smanijji, e ttiè ccollana:
e dde diademi sce9 n’ha er terzo e ’r quarto.

 

Inzomma, accusí rricca e accusí cciana,10
cuella povera Vergine der Parto11 nun è ppiú una Madonna: è una puttana.

 

Roma, 2 febbraio 1833

 




1 Far botteghino: far traffico.

2 Chiesa degli Agostiniani.

3 Spalliere.

4 Tavolette votive.

5 Sedere.

6 Lunghi e fragorosi pendenti d’oro da orecchie. Pare che venga dal francese chocailles.

7 Ci ha: ne ha.

8 Appalto.

9 Ce.

10 Vana per ricercatezza di vesti e di fregi.

11 Nome di quella Madonna, che è una statua.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License