Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

853. Er voto

 

Senti stantra.1 A Ssan Pietro e Mmarcellino
sce2 stanno scerte Moniche bbefane,
c’aveveno pe vvoto er contentino
de maggnà ttutto-cuanto co le mane.

 

Vedi si una forchetta e un cucchiarino,
si un cortelluccio pe ttajjacce3 er pane,
abbi da offenne Iddio! N’antro tantino
leccaveno cor muso com’er cane!

 

Pio Ottavo però, bbona-momoria,4
che vvedde una matina cuer porcaro,
je disse: «Madre, e cche vvò ddí sta storia?

 

Sete state avvezzate ar Monnezzaro?!5
Che vvoto! un cazzo. A ddio ddàsse groria6
puro7 co la forchetta e ccor cucchiaro».

 

Roma, 2 febbraio 1833

 




1 Altra.

2 Ci.

3 Tagliarci.

4 In una visita che loro fece all’improvviso.

5 Immondezzaio.

6 Può darsi gloria.

7 Pure.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License