Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

854. Er Re novo

 

Se ssapé cche ddiavolo se freghi1


la ggente? Io 2 ppe mmé bbell’e ccontrito
che sto povero Monno s’è ammattito,
e cce un Aguzzino che lo leghi.

 

Guarda, per cristo, a cchi ddanno l’impieghi,
e ssi3 sto caso s’è mmai ppiú ssentito!
oh Menicuccio, azzecca4 un po’ cchi è ito
a ffà er Zoprano,5 e ggovernà lli Greghi.

 

Opri l’orecchie, Menicuccio mio:
incoronato de mortella e llàvero6
j’hanno mannato un bavero,7 per dio!

 

E li Greghi pe Rre ppijjeno un bavero,
uno scarto d’un zacco d’un giudio,8
che sse pòzzi9 addormí ssenza papavero.

 

Roma, 2 febbraio 1833

 




1 S’imbrogli.

2 Sono.

3 Se.

4 Indovina.

5 Sovrano.

6 Lauta.

7 Vocabolo di due sensi.

8 Gli ebrei commerciano di robe vecchie.

9 Si possa.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License