Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

856. Er call’e ’r freddo

 

Er callo1 che ddistate ciariscalla2
Dio fa cche dda la terra se sollevi
e ar tornà dde l’inverno l’ariscevi3
la terra, c’ha la forma d’una palla.

 

Ecco spiegato perché vvedi, Lalla,4
che llacqua ch’essce da Funtan-de-Trevi
e oggnacqua che cce lavi e cche cce bbevi,
d’istate è ffredda, eppoi d’inverno è ccalla.

 

Tu discorri co mmé, fijja, discorri;
e ssappi c’ar bicchiere inummidito
jintraviè5 ccom’a tté cquanno che ccorri.

 

Appena l’acqua fresca te l’ha empito
ar bicchiere je s’opreno6 li porri,7
e ssuda: seggno che nnun è ppulito.

 

Roma, 3 febbraio 1833

 




1 Caldo.

2 Ci riscalda.

3 Lo riceva.

4 Adelaide.

5 Gli accade.

6 Si aprono.

7 Pori.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License