Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

858. Er parlà bbuffo

 

«Coso, hai cosato er coso ch’er Zor Coso
cosò jjerzera in quela cosa tonna!».1


Eh a sto sciangotto2 tuo tanto curioso
ma cchi ddiavolo vòi che ttarisponna?3

 

Io sce vorebbe vede4 la Madonna
o cquarche Ssanto ppiú mmiracoloso,
si ppotessi sbrojjà sta bbaraonna5
de sciarle che mme fai senza riposo.

 

Coso, cosa, cosato!... Ma, Vvincenza,
come protenni6 poi che cchi tte sente
nun te ridi sur muso? abbi pascenza!

 

Come te perzuadi che la ggente
t’abbi da intenne!7 Cuant’a mmé, in cusscenza,
nun capisco davero un accidente.8

 

Roma, 3 febbraio 1833

 




1 Il coso, la cosa, il cosare sono belli e comodi vocaboli, che cavano assai bene d’impaccio chi ha difetto di termini: e nel discorso romano fanno una continua ed eccellente figura.

2 Borbottio.

3 Ti risponda.

4 Ci vorrei vedere.

5 Baraonda equivale a «caos, confusione».

6 Pretendi.

7 Intendere.

8 Nulla affatto.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License