Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

861. Er diluvio univerzale

 

Iddio disse a Nnovè: «Ssenti, Patriarca:
tu cco li fijji tui pijja l’accetta,
e ssur diseggno mio frabbica un’arca
tant’arta, tanto longa, e ttanto stretta.

 

Poi fa’ un tettino, e ccròpisce1 la bbarca
com’e cquella der Porto de Ripetta;2
e ccom’hai incatramato la bbarchetta,
curri per Monno, acchiappa bbestie, e imbarca.

 

Vierà allora un diluvio univerzale,
c’appett’a llui la cascata de Tivoli
parerà una pissciata d’urinale.

 

Cuanno poi vederai l’arco-bbaleno,
cuell’è er tempo, Novè, cche tte la sscivoli,3
scopi la fanga, e ssemini er terreno».

 

Roma, 25 febbraio 1833

 




1 Còprici.

2 Il minor porto del Tevere a Roma. Ivi si passa da una all’altra riva sopra una barca fissa.

3 Scivolarsela: uscir fuori destramente.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License